Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Anno Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese

  Scarica il file iCal

 

Category Image

 Monte Emilius, mt. 3554

Sabato, 01 Agosto 2020, 7:00

Domenica, 02 Agosto 2020

 Luogo  : Pila mt. 1800, AO

 

 


 

Introduzione

Il Monte Emilius, dall’aspetto arcigno se osservato da Aosta, è accessibile a buoni camminatori percorrendo senza particolari difficoltà tecniche la via normale lungo la cresta Sud; per l’altezza notevole e la posizione al centro della Val d’Aosta, ha uno dei più rinomati panorami delle Alpi. La realizzazione a fine anni novanta del Rifugio Arbolle lo ha reso più semplice da raggiungere e meno faticoso.


Itinerario

1° giorno: dalla stazione di arrivo della cabinovia Aosta-Pila, seguire le indicazioni per San Grato, passare sotto alla linea della seggiovia Chamolé e raggiungere la comoda strada sterrata, che in piano e immersa in uno splendido bosco, conduce alla chiesetta di San Grato (1787 m). Qui si trovano le indicazioni dei sentieri 20 e 102 che conducono all’Alpe Chamolé (2152 m), 1.15 ora circa. Dall’alpeggio seguire le indicazioni per il Lago di Chamolé. Proseguire sul sentiero 102 e seguirlo fino al col Chamolé (2641 m) 1 ora circa. Splendida  vista sul Vallone di Arbolle, con già ben visibili il rifugio e i laghi omonimi. Dal colle scendere sul sentiero, facilitato nella prima parte con una corda, e in breve raggiungere la splendida conca e il rifugio (h 3.00).

2° giorno: dal rifugio si scende qualche metro, costeggiando il lago a sinistra; si entra in un vallone caratterizzato da estese pietraie, alla cui sommità si piega a NE su di un dosso per raggiungere il Lago Gelato. Lasciato a destra il sentiero per il Colle d'Arbolle, si prosegue in direzione NE su traccia con ometti salendo ad un primo pianoro, quindi su pietraia più impegnativa si perviene al Colle dei Tre Cappuccini (3241 m, 2.30 h), riconoscibile già da lontano per le caratteristiche tre rocce allineate. Si piega decisamente a sinistra, seguendo l'evidente cresta S. E’ possibile percorrere il filo di cresta (roccia abbastanza solida, con passaggio di I+), oppure l’evidente traccia sul lato destro, prestando attenzione al fondo detritico e aiutandosi con le mani in alcuni piccoli salti rocciosi (1,15 dal Colle).

  • Ritrovo e partenza ore: piazzale a lato di via Foresio ore 7.00
  • Viaggio: con auto proprie
  • Quota di partecipazione: soci 55 €, non soci 64 € +MP rifugio 50€
  • Difficoltà: E fino al Rifugio Arbolle; EE dal rifugio alla vetta
  • Dislivello: 1° giorno, da Pila (mt 1800) al Rif. Arbolle (mt 2510): mt 850; 2° giorno: dal rifugio alla vetta mt 1044; discesa: dalla vetta a Pila, mt 1890 circa (mt 1440 circa se si utilizza in discesa la seggiovia del Chamolé, stazione superiore a m 2309, raggiungibile dal rifugio in 1,15 h)
  • Tempo di percorrenza: 1° giorno: 3 ore;  2° giorno: 3,45 ore in salita; 5 ore in discesa fino a Pila (4 ore circa se si utilizza la seggiovia del Chamolé)
  • Attrezzatura e abbigliamento: da media/alta montagna adatto alla stagione e alla quota.
  • Informazioni e iscrizioni: in sede presso Paolo Sonvico e Edoardo Verrengia

ISCRIZIONI ANTICIPATE, CON CAPARRA di € 30, NEI GIORNI 17, 21 E 24 LUGLIO

 

arbolle

emilius.jpg 805 x 621

emilius vetta

 Contatto : Paolo Sonvico e Edoardo Verrengia

Escursionismo